STUDIO PERAZZA
 Via Tintoretto, 10

31056 Roncade (TV)

Phone: +39 0422 1789203
info@perazza.it

FOLLOW
Top

agosto 2015

Benetton Rugby ha scelto Perazza!

Una nuova sfida, e un vanto, per la nostra agenzia di comunicazione, un’importante collaborazione che aggiungiamo al nostro portfolio! Ai numerosi clienti (aziende, artigiani e produttori del nostro territorio) si è aggiunto un cliente speciale, orgoglio per il trevigiano e per l’intera regione, stella nel panorama rugbistico e sportivo nazionale. Stiamo parlando della Benetton Rugby, che ha scelto lo studio Perazza come fornitore ufficiale per la definizione e produzione del materiale grafico e video che immortali e diffonda i principi, i valori e lo spirito che identificano questa grande squadra e che questo brand racchiude.

Twitter è finalmente indicizzato da Google!

Una premessa è doverosa per chi poco mastica di Seo, indicizzazione nei motori di ricerca e ottimizzazione dei contenuti: in termini Seo, Google, almeno finora, non indicizzava i contenuti inseriti all’interno dei social network (da Facebok a Instagram fino a Pinterest) con qualche eccezione apparsa timidamente negli anni passati nei confronti di Twitter. Dunque l’attività Seo applicata a post, commenti e contenuti multimediali dei social a nulla serviva in termini di posizionamento nel motore di ricerca, ad eccezione di Google +, unico social appartenente alla grande famiglia Google.

Come costruire un footer efficace nel proprio sito

Avete un sito o un blog aziendale o personale? Indipendentemente dai contenuti che caricate online c’è una parte che rimane fissa e sempre visibile agli utenti. Si tratta del footer, quella banda che chiude in basso le pagine del sito (o blog) e che gioca un ruolo importante, a volte sottovalutato, come spazio per mediare informazioni all’utente.

Il pollice all'ingiù comparirà su Facebook?

Facebook impazza di “Mi piace” e pollici all’insù ma grandi novità si affacciano sul social bianco e blu rendono speranzosi i molti, tra i milioni di utenti, che chiedono da tempo al Re dei social di inserire tra le modalità di commento di foto, video e stati anche il tasto di non gradimento per segnalare chiaramente il proprio distacco da un post pubblicato. Un pollice all’in giù che dica chiaramente “Non mi Piace!”

La web advertising punta su video e social

La pubblicità online ha ancora successo? E sotto quali forme? I dati pubblicati da Data media Hub, e riportati da Wired, mostrano un cambiamento dei trend rispetto al precedente anno e registrano un calo di investimenti aziendali negli spot pubblicitari e banner in modalità display. Questi primi sei mesi del 2015 regisrano infatti un calo del 6,9% degli investimenti pubblicitari nei banner online. Di contrappunto crescono invece di molto gli investimenti pubblicitari in video +16% e nei social networks +46%, con conseguenti migliori risultati.

Online o offline: gli italiani come si aggiornano?

La predominanza del web sulla carta stampata come mezzo informativo sembra ormai sancita ufficialmente da statistiche e analisi di mercato. Si aggiunge, ai già molti studi effettuati di recente, la ricerca condotta da Doxa lo scorso Marzo 2015 i cui risultati sono stati presentati in un convegno organizzato dal Politecnico di Milano. Data media hub ha riportato questa interessante ricerca che analizza la fruizione delle news degli italiani durante la giornata e i mezzi utilizzati. Gli utenti italiani hanno risposto per il 97% di aggiornarsi sulle notizie durante tutto l’arco della giornata, con un picco del 39% all’orario di cena seguito da un 37% che si collega durante la mattinata. Il tempo medio di connessione si aggira sui 34 minuti.

La nuova Seo deve tener conto di nuovi fattori!

Abbiamo ripetuto più volte che Google è sempre più “intelligente” e capace nel valutare fattori diversi al fine di stabilire il page rank di un sito e determinarne il suo posizionamento online. Gli algoritmi che utilizza per piazzare i siti nella Serp sono in continuo aumento e sempre più diversificati. Ecco perché pensare che basti ottimizzare le keywords per essere i primi tra i risultati di ricerca è diventato riduttivo, poco utile e sorpassato; la Seo come la conoscevamo qualche anno fa è stata sorpassata e si è aggiornata per stare al passo con le crescenti capacità di Google.