STUDIO PERAZZA
 Via Tintoretto, 10

31056 Roncade (TV)

Phone: +39 0422 1789203
info@perazza.it

FOLLOW
Top

Digital PR: web marketing di contatto

Come fare delle buone digital PR

Il web è contatto, relazioni umane e scambio diretto. Se credete il contrario vivendo il web come qualcosa di astratto e la Seo come un insieme di codici vi sbagliate di grosso: dietro a tastiere e schermi ci sono persone, ed è a loro che state cercando di arrivare e a cui venderete i vostri servizi.

Il web è un mezzo di comunicazione per stringere contatti, attirare l’attenzione delle persone e costruire legami: tutto ciò che, anche nella vita reale, trasforma uno sconosciuto in un cliente e poi in un promoter dei vostri servizi.

Pubbliche relazioni digitali

Ecco perché parlando di web marketing, comprensivo di social media, copywriting, Seo e Sea è bene tenere a mente che dall’altra parte ci sono persone e che le relazioni pubbliche, il modo in cui ci poniamo e cerchiamo il contatto, è importante per intercettarle e suscitare in loro empatia.

Come il comportamento di un commesso in un negozio vi può portare all’acquisto o al contrario farvi scappare a gambe levate così anche nel web quando ricercate i vostri potenziali clienti dovete tenere a mente che state facendo pubbliche relazioni, in questo caso 2.0: relazioni…digital!

3 consigli per diventare buoni digital PR e aumentare la clientela

1. Le relazioni sono la base di tutto

Per fare digital PR è indispensabile avere delle relazioni, se vi affacciate sul web da zero partite quindi con il costruire dei legami. Qualche consiglio per iniziare: contattate altri operatori del vostro stesso settore, magari di un’altra città o che offrono un servizio corollario ma non sovrapponibile al vostro, in modo che non siano avversari diretti. Intrecciate con loro relazioni (digitali), parlate di loro e chiamateli in causa nel vostro blog su argomenti di cui sono esperti, citateli e intervistateli o richiedete delle dichiarazioni in merito al settore. Questo produrrà contenuti sul vostro blog/sito e potenziali condivisioni, menzioni e citazioni che nel tempo aumenteranno il traffico in entrata.

Esempio: una palestra di pilates di Roma può stringere una collaborazioni con scambi di contenuti su blog e social con una palestra concorrente di Venezia; si crea così un contenuto nuovo che verrà fatto circolare online da entrambi i soggetti, con una esponenziale viralità.

2. Connessioni con il territorio

Relazioni significa anche fare rete, e la cosa migliore che potete fare è di creare un network con gli altri operatori della vostra città, o area geografica, in modo da creare una collaborazione continuativa e uno scambio nel web. Rimanendo sull’esempio della palestra di pilates di Roma, questa potrebbe avviare una collaborazione con negozi di fitness, ristoranti di cucina salutare, spa e attività legate al benessere: tutti questi operatori uniti in rete si impegnano a diffondere tramite i loro portali web i contatti, il logo, anche solamente il nome della palestra reindirizzando lì le persone interessate, e viceversa.

3. Empatia e simpatia

Grazie alle relazioni siete riusciti a farvi citare, menzionare e promuovere? Bene, ora sta a voi tenetevi stretti i potenziali clienti e trasformarli in effettivi compratori. La cosa più importante, anche più di tutte le strategie di web marketing, è conquistare la simpatia ed entrare in empatia con le persone, solo così sceglieranno voi e non un vostro competitors. Come detto tante volte ricordate di studiare il target e definite la comunicazione in base alla tipologia di utente, approciandoli nel modo più consono, proprio come fareste di persona: solo così potrete avviare una relazione fruttuosa. Ecco quindi l’importanza di scegliere i giusti mezzi (ad ogni target di persone corrisponde un social più indicato) e la giusta forma di pubblicità e di linguaggio.

Navigare nel web è come passeggiare in città: gli scambi e le relazioni avvengono di continuo tra persone, che sia al bar, in un negozio o sul tram; l’unica differenza è che ora oltre a questi luoghi fisici ci sono anche quelli digitali.