STUDIO PERAZZA
 Via Tintoretto, 10

31056 Roncade (TV)

Phone: +39 0422 1789203
info@perazza.it

FOLLOW
Top

Tecniche per una link builidng con link buoni

Come accumulare “link buoni”

Abbiamo parlato nell’ultimo articolo di quanto sia importante monitorare i link in entrata ed eliminare link dannosi o comunque non utili per migliorare il page rank di un sito. Google non si inganna, o comunque non è facile farlo, quindi è meglio giocare pulito, evitando l’acquisto di link in massa e cancellando quelli provenienti da fonti poco sicure, oltre che seguire generiche regole per costruire una buona link building.

Meglio sicuramente circondarsi di link “buoni”, ovvero quei collegamenti che aumentano agli occhi di Google la nostra autorevolezza.

Ecco 5 consigli per accumulare buoni link legati alle giuste parole chiave:

1. sito locale, sito nazionale e sito per l’estero

La provenienza dei link in ingresso è un fattore importante per Google, che sa valutare la coerenza della provenienza dei link. Se il vostro è un sito locale, hanno più valore i link provenienti da siti che riguardano attività vicine alla vostra, la rilevanza geografica ha un ruolo importante; quindi se siete PMI locali cercate di essere linkati da siti di attività limitrofe e portali riguardanti il vostro territorio. Se avete un sito nazionale e in lingua italiana fate attenzione, è inutile linkare da link stranieri, tanto per fare numero, e cercare citazioni all’estero; Google si insospettirà e non saranno comunque utili e veritieri. Se invece lavorate con l’estero e il vostro sito ha l’opzione della lingua straniera allora è bene lavorare per costruirsi una link building anche all’estero, che in questo caso sarebbe giustificata.

2. Costruire link building 1: trova i competitors

Si parte sempre analizzando le realtà dei migliori competitors, in base a chi linka e cita loro adoperatevi per essere citati anche voi dalle stesse fonti. Come trovare i competitors? Individuate per ogni pagina del vostro sito web le migliori keyword e controllatele su Google, i primi risultati che escono sono generalmente i competitors migliori per quella parola chiave.

3. Costruire link building 2: analizza i competitors e trova le keywords più citate

Una volta individuati i migliori competitors scovate, grazie a programmi e tools specifici come Semrush, tutte le loro parole chiave, cercando di capire per quali di queste sono citati e linkati da siti terzi, anche effettuando ricerche incrociate sui motori di ricerca.

 

4. Costruire link building 3: usa le keyword nel tuo sito

Una volta capite quali keyword dei vostri competitors di settore sono più linkate è il momento di iniziare ad usarle nel vostro sito, in questo modo avrete la possibilità di essere linkati a vostra volta. Come usarle e produrre contenuti con queste keyword? Provate Google Alert, riceverete tutti gli aggiornamenti relativi che potete usare per creare contenuti con queste keywords. Inoltre ottimizzate le pagine interne del sito con queste parole chiave.

5. Costruire link building 4: fatti citare anche tu

A questo punto, dopo che avete studiato i competitors, avete capito per quali keyword sono citati, da chi sono linkati e avete ottimizzato il sito con le suddette parole chiave potete fare un ulteriore passo. Segnalate i contenuti del vostro portale agli stessi siti che hanno Lcreato un collegamento con i competitors e sperate così di essere citati e linkati anche voi. È importante impegnarsi per produrre contenuti di qualità in modo da aumentare le possibilità di ricevere link e segnalare contenuti interessanti.